Cambia il mondo, cambia l’impresa: i Webinar 2018 di FNE e Confindustria

Fondazione Nord Est e il Centro Studi Confindustria avviano una collaborazione pensata per aiutare a capire – attraverso una serie di webinar tematici – come le grandi trasformazioni in campo tecnologico ed economico possano diventare una leva per la crescita delle imprese italiane.

In ogni webinar, esperti, imprenditori e docenti universitari racconteranno ed esploreranno le dimensioni più stimolanti e complesse che riguardano da vicino le imprese italiane, a partire da quattro dei temi che più interessano e caratterizzano un’impresa di successo: formazione, finanza, innovazione e internazionalizzazione.

Registi e moderatori, alternativamente, saranno il Direttore Scientifico di Fondazione Nord Est, il Prof. Carlo Carraro e il Chief Economist del Centro Studi Confindustria Andrea Montanino.

Da casa, dall’ufficio e da qualsiasi piattaforma, gli utenti avranno la possibilità di approfondire singole tematiche connesse al tema di riferimento seguendo il dibattito tra esperti del settore, con i quali potranno interagire in diretta.

Per poter partecipare basterà iscriversi ad ogni webinar tramite appositi link che saranno disponibili su www.confindustria.it e su www.fondazionenordest.net a ridosso dei singoli appuntamenti.

 

CLICCA QUI per vedere la registrazione del primo webinar “Imprese e capitale umano: le nuove competenze necessarie in un mondo digitale”, tenutosi Martedì 22 Maggio 2018.

In questo primo appuntamento il prof. Carlo Carraro (Direttore Scientifico di Fondazione Nord Est), ha condotto e stimolato il dialogo tra Federico Butera (Università degli Studi di Milano-Bicocca) e Francesco Venier (MIB Trieste), che hanno presentato un loro spaccato sul tema dell’importanza del capitale umano e della sua organizzazione in azienda. Infatti, in un mondo sempre più orientato al digitale, le macchine non sono l’unica componente necessaria per l’innovazione delle imprese. Senza le giuste competenze e un capitale umano adeguatamente formato, le imprese rischiano di fare grandi investimenti in termini di ammodernamenti tecnologici di cui potranno sfruttare solo parzialmente il potenziale. Senza una opportuna organizzazione del lavoro, l’avvento del digitale, della robotica, dell’intelligenza artificiale, non potrà produrre i benefici, anche occupazionali, che sono possibili.

Per qualsiasi informazione sull’iniziativa: csc@confindustria.it e oliva@fondazionenordest.net.